EVENTO FORM.VO NAZ.LE COMLAS - L'IMMIGRAZIONE NELLA PROSPETTIVA MULTIDISCIPLINARE: ASPETTI SANITARI, SOCIALI, GIURIDICI E MEDICO LEGALI NELLA TUTELA DEL MINORE

Torino, 22 Maggio 2018

Centro Congressi “Molinette Incontra”

Sala A.M. DOGLIOTTI ingresso Corso Bramante 88 – Torino (TO)

 

L’Italia, penisola protesa nel Mar Mediterraneo, risulta geograficamente il Paese tra gli Stati Europei più esposto agli sbarchi di immigrati clandestini, di profughi o di rifugiati politici. L’accoglienza, che in questi anni ha contraddistinto la nostra nazione, ha portato ad un esubero di presenze d’immigrati, spesso clandestini,  inducendo un fenomeno alquanto preoccupante determinato dalla presenza di un elevato numero di minori non accompagnati.Il problema riveste aspetti sanitari, sociali, giuridici e medico legali che, allo stato attuale, la Regione Piemonte sta fronteggiando, con un approccio multidisciplinare ed interistituzionale. A tal fine è stato elaborato un protocollo operativo, già preso a modello dalla Lombardia, che qualora condiviso potrebbe essere adottato anche da altre Regioni italiane. Del resto spesso i mass media si occupano d'immigrazione in modo approssimativo e semplicistico. L’evento si propone, invece, di evidenziare quanto sia importante la tutela dei minori, anche sensibilizzando l'opinione pubblica, sulla necessità di vigilare sul fenomeno perché i minori, se lasciati a se stessi, potrebbero precipitare nel giro della malavita, in situazioni degradanti, quali ad esempio la schiavitù o la prostituzione, con conseguente peggioramento della sicurezza sociale e dell'ordine pubblico.Di qui la necessità d’intervenire in tutela dei minori affinché le Istituzioni se ne prendano cura occupandosi in primis della loro salute ma soprattutto tutelando i minori sotto l’aspetto giuridico e sociale e nella valutazione multidisciplinare dei minori immigrati. 

Programma, informazioni ed iscrizioni sono disponibili sul sito Publiedit al seguente link:

http://www.publieditweb.it/paginephp/eventi/evento/evento_info.php?id=319

Aldo Di Fazio nominato nell’Osservatorio Nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità

Su decreto del Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin, viene istituito l’Osservatorio Nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità, come previsto dall’articolo 3 della Legge 24/2017.

Il Dott. Aldo Di Fazio, componente del Direttivo Nazionale della COMLAS è stato chiamato a farne parte in rappresentanza della Regione Basilicata. Il Presidente ed il Direttivo Nazionale COMLAS esprimono la propria soddisfazione e le più vive congratulazioni per il conseguimento dell’incarico al Dott. Aldo Di Fazio, esprimendo inoltre i migliori auguri di buon lavoro.

Di seguito comunicazione dell’Assessore Antonio Saitta, Coordinatore Salute presso la Conferenza delle Regioni con tutti i componenti nominati dell’Osservatorio.

SCARICA IL DOCUMENTO

Avviso Convocazione Assemblea Straordinaria Soc. Scientifica COMLAS 2017

L'Assemblea è convocata per il giorno 10 NOVEMBRE 2017.

La partecipazione è riservata ai soci in regola con la quota associativa 2017. Il versamento delle quote associative non potrà essere regolato in Sede di Assemblea.

L'Ordine del Giorno e la Delega sono disponibili ai seguenti link:

Si prega di preannunciare la presenza entro il 3 novembre mediante comunicazione via mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COM. URGENTE - RINVIO ASSEMBLEA NAZIONALE COMLAS, 27/10/17 Roma 318

Gent.mi Soci,

                su incarico del Presidente Nazionale COMLAS Prof. Massimo Martelloni, ci premuriamo comunicarvi che a causa di alcune improvvise incombenze, la prevista Assemblea Nazionale per la modifica dello Statuto sarà rinviata presumibilmente nell’ambito del prossimo Congresso Nazionale COMLAS del 10-11 Novembre 2017.

 

Le ragioni che hanno portato a questa tempestiva variazione sono legate a due fondamentali ragioni.

 

Abbiamo ricevuto in data 24/10/17 dalla FISM (Federazione Italiana Società Mediche) una importante comunicazione che ha di fatto riaperto e cambiato i termini e i requisiti della domanda di adesione all’elenco delle Società Scientifiche di cui all’art. 5 della legge 24/2017. In particolare, sono venute meno alcune incombenze che sembravano essere perentorie; tra queste, la convocazione di una Assemblea Straordinaria per la modifica dello Statuto.

 

Per questo motivo, vista anche la concomitanza, nella giornata di venerdì 27 Ottobre p.v., dello sciopero generale dei trasporti, il Presidente ha deciso di rinviare la riunione.

 

Sarà ns. cura darvi tempestiva notizia della nuova data di convocazione.

 

Rimaniamo a disposizione per ogni eventuale chiarimento o necessità, ed inviamo i più cordiali saluti.

 

Il Responsabile Segreteria Organizzativa Società Scientifica COMLAS

Dott. Giuseppe Reale

Lesioni personali stradali gravi o gravissime - obblighi per i Medici

Si pubblica per conoscenza e opportuna comunicazione lettera trasmessa da FNOMCEO ai Presidenti degli Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e ai Presidenti delle Commissioni per gli iscritti all'albo degli Odontoiatri in merito all'art. 590-bis c.p. su lesioni personali stradali gravi o gravissime - obblighi per i Medici.

Idoneità alla guida per soggetti affetti da malattie ematiche

Con il D.P.R. 10 luglio 2017, n. 139, pubblicato in Gazzetta ufficiale, Serie Generale, n. 221 del 21 settembre 2017, in vigore a partire dal prossimo 6 ottobre, che per conoscenza si allega, sono state apportate modifiche al Regolamento di esecuzione e di attuazione del codice della strada.
Il testo interviene sulla previsione delle c.d. malattie invalidanti, ovverosia quelle malattie e affezioni che escludono la possibilità di rilasciare il certificato di idoneità alla guida, salvo giudizio espresso dalle Commissioni Mediche Locali a cui la legge impone valutazioni particolarmente rigorose.

La modifica apportata sopprime la lettera G dell'Appendice II, art. 320, Titolo IV del D.P.R. n. 495/1992, relativa alle malattie ematiche, in considerazione del progresso scientifico intervenuto sui nuovi strumenti di diagnosi e sulle nuove terapie per la cura delle malattie del sangue nonché dei requisiti psicofisici minimi imposti dall'UE.
Pertanto per i casi in oggetto non sarà più preclusa (salvo diverso parere delle Commissioni mediche Locali) la possibilità di rilascio o rinnovo della patente di guida tramite la usuale valutazione del medico monocratico.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 10 luglio 2017, n. 139

Avviso di Convocazione Assemblea Straordinaria Soc. Scientifica COMLAS 2017

L'Assemblea è convocata per il giorno 27 OTTOBRE 2017.

La partecipazione è riservata ai soci in regola con la quota associativa 2017. Il versamento delle quote associative non potrà essere regolato in Sede di Assemblea.

L'Ordine del Giorno e la Delega sono disponibili ai seguenti link:

Si prega di preannunciare la presenza entro il 22 ottobre mediante comunicazione via mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il rinnovo dell’idoneità alla guida per patologia o menomazione stabilizzata

Si pubblica per conoscenza e opportuna comunicazione ai medici valutatori dell’idoneità alla guida la circolare ministeriale relativa all’art. 25 della Legge 114/14 concernente il rinnovo dell’idoneità alla guida per patologia o menomazione stabilizzata.

La scomparsa del Prof. Giancarlo Umani Ronchi

Riportiamo di seguito comunicato del Presidente COMLAS Prof. Massimo Martelloni:

"Appresa solo oggi la notizia della scomparsa del Prof. Giancarlo Umani Ronchi porgo a nome mio personale e di tutta la Società Scientifica COMLAS le più sentite condoglianze alla SV ed a tutta la famiglia.
Con Giancarlo è scomparsa una persona che ha colto in particolare i grandi cambiamenti in corso nel SSN ed il nuovo ruolo che la Medicina legale stava ivi svolgendo.
Da noi tutti un ringraziamento per il grande contributo dato.
Il Presidente della Società Scientifica COMLAS
Prof. Massimo Martelloni"

In ricordo di Giancarlo Umani Ronchi riportiamo la premessa al libro “La Cartella clinica e la cartella infermieristica: strumenti di management e indicatori di qualità delle prestazioni sanitarie”, un messaggio quello di Giancarlo anticipatorio nel 2006 degli sviluppi che la medicina legale del SSN ha vissuto nel decennio successivo fino alla legge 24/2017 ed ai nuovi L.E.A. del 2017:

“La monografia dei miei stimati amici e colleghi del Coordinamento Nazionale dei Medici Legali delle Aziende Sanitarie……, redatta con l'apporto specialistico di appropriata esperienza infermie­ristica ………… e di un illustre collaboratore del Difensore Civico della Regione Toscana …………., è un pregevole lavoro di sintesi sulla storia, le problematiche normative e definitorie e gli aspetti deontologici della cartella clinica, ma certamente offre la novità di uno strumento nuovo di valutazione dell'appropriatezza di tale fondamentale documentazione sanitaria intelligentemente formulato.

Si avverte in tutto il testo l'inderogabilità di considerare la centralità della persona malata all'interno di un unico processo terapeutico e riabilitativo per il quale si attiva­no, contemporaneamente, professionisti diversi, ma tra loro integrati, con la volontà di governare correttamente la presa in carico, innescando alcuni meccanismi di cambia­mento al sistema organizzativo e adattandosi alla nuova cultura della corresponsabilità.

Di qui il ruolo fondamentale che sicuramente avrebbe nel processo assistenziale una cartella clinica integrata, strumento specifico per la governance del percorso dell'utente, onde valutare l'appropriatezza diagnostica, terapeutica, riabilitativa, gestionale, etico-giu­ridica, ma anche per mettere in moto i meccanismi che consentono di prevenire il rischio clinico e gestire il contenzioso, problematiche queste ultime che i medici legali operanti nel Servizio Sanitario Nazionale hanno per primi cominciato ad affrontare sia sotto il pro­filo culturale sia nell'operatività decisa con veri e propri piani di formazione, istituzione degli osservatori medico-legali, sistemi di management efficaci e di sicuro impatto.

Si vuole qui ricordare che una documentazione sanitaria integrata sarebbe certo un ottimo strumento anche per la difesa dell'operato medico e infermieristico, mentre al contrario una documentazione sanitaria approssimativa o insufficiente mal si presta al­la difesa degli operatori della sanità nei casi di malpractice o supposti tali.

Nella monografia tra l'altro viene sottolineato anche il ruolo che, unico in Italia, de­tiene la Regione Toscana, del Difensore Civico, istituto che presenta caratteristiche ta­li da costituire una forma di tutela alternativa a quella giurisdizionale, tutela che, anche se priva del carattere vincolante di quella giurisdizionale medesima, può far sì che spes­so le questioni siano risolte evitando i costi e i tempi lunghi ed estenuanti dei procedi­menti giudiziari. Inoltre, quella del Difensore Civico in questi casi è un'indubbia atti­vità di monitoraggio della casistica, che può essere di certo ausilio per valutare se i sin­goli problemi riscontrati non siano legati invero all'organizzazione funzionale generale sui quali si chiederà all'amministrazione di riflettere e intervenire.

«Cartella clinica e infermieristica come strumenti di management e indicatori di qualità e appropriatezza delle prestazioni sanitarie»: è sicuramente dall'inizio, dall'a­pertura del ricovero e dalla raccolta dell'anamnesi di quel paziente che giunge nei no­stri ospedali per i più disparati motivi che bisogna cominciare a costruire un efficace ed efficiente percorso assistenziale, sul quale il medico legale del SSN ha l'obbligo mo­rale, deontologico e professionale specifico per vegliare, ma non in attesa, bensì con l'utilizzo di idonei strumenti di clinical governance che sicuramente sta mostrando, in questi ultimi tempi, di sapere formulare e correttamente applicare per essere al passo con i tempi e i cambiamenti decisi della sanità pubblica.

Giancarlo Umani Ronchi
Ordinario di Medicina Legale, Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Informazioni aggiuntive